Band e Redazionali

Matteo Cincopan: "Fantascienza" la nuova era sonora

Testi ispirati dalla cinematografia e letteratura fantascentifica

Matteo Cincopan è un cantautore che ha messo in atto una forma di sperimentazione legata alle sue due più grandi passioni: la musica e la fantascienza.

ScreenHunter_69 Mar. 04 09.01

Matteo compone i suoi testi attingendo e ispirandosi alla cinematografia e alla letteratura di genere fantascientifico; per le musiche l’artista ricrea ambientazioni e atmosfere in stile progressive rock e psichedelica degli anni ’70.  Già nel suo primo album intitolato  “I primi tre secondi dell’universo” questa sperimentazione ha preso corpo, e Matteo sta proseguendo su questo filone con il secondo album da poco uscito, già disponibile su  iTunes  e Amazon, dal titolo “Fantascienza”; inoltre è già a lavoro per realizzare il terzo che dovrebbe chiudere la trilogia su questo progetto.

Matteo Cincopan ha alle spalle  studi musicali classici e alcune  esperienze in vari gruppi; in seguito si avvicina al mondo delle colonne sonore e inizia a comporre molte musiche in questo settore e non solo, ma anche  musiche per rappresentazioni teatrali, letture drammatiche, conferenze, radiodrammi.

Il suo bagaglio si arricchisce e nel 2011 sente la maturità necessaria per realizzare un suo primo concept album; la musica di Matteo ha colorazioni che si rifanno a stili conosciuti ma con il raro dono dell’unicità, l’ispirazione è palese,  ma la costruzione personalissima fa dei suoi lavori uno strano tuffo negli anni ’70,  ma con l’immediatezza e la freschezza dell’inedito. Le sperimentazioni allargate all’elettronica di ultima generazione completano il mix di sonorità che insieme viaggiano verso una nuova era ; questo l’intento di Matteo e senza fatica ci trascina con sè alla scoperta di un nuovo mondo.

Album piacevolissimo, unico, consigliatissimo.

Official Web Site

Discografia

 

Previous post

Soundtrack of a Summer :"Holes"

Next post

SIXTHMINOR: "WIREFRAME"

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”