Interviste

Intervista a Loris Fontana

Chitarrista dei Dollface
Continuiamo a scoprire gli artisti e musicisti di Vicenza con il chitarrista Loris Fontana che risponde ad alcune domande del QuadriProject

1) In quale modo ti sei avvicinato alla musica; come è nata la tua passione?
Rimasi folgorato da “Made in Japan” e da bambino una chitarra in plastica era sempre tra i miei giochi favoriti. I miei genitori si ricordano che sentivo i Jingle pubblicitari e con quella chitarrina li rieseguivo 🙂

2)E’ stato facile seguire questa passione per te, o hai avuto difficoltà? Se si quali?
Nessuna difficoltà… se non quella molto sopportabile dello studio e di voler apprendere !

3) qual è il tuo successo più grande? E quello che più ti ha fatto felice?
….. il mio successo piu’ grande? Magari ho delle angolazioni differenti e delle priorità diverse dal pensiero comune, per me un successo è suonare con la stessa convinzione e divertimento come fosse il primo giorno, malgrado le innumerevoli problematiche che si incontrano sempre.

4) So che c’è un album in lavoro, a che punto sono le registrazioni?
L’album è a buon punto, abbiamo fatto delle anteprime a programmi condotti da gente che prima di tutto fosse in sintonia con la nostra musica ricevendo lusinghieri feedback. Le takes sono finite e mancano solo dei piccoli particolari. L’album contiene brani che vanno dal Blues, Hard Rock , e con molte chitarre !!!!

5) Nel corso della tua carriera nel mondo della musica, hai capito cosa piace alla gente o capirlo è come la ricerca del sacro Graal?
Io penso che prima di tutto piaccia la sincerità, anche se spesso e volentieri chi pensa ad alta voce rischia di essere tacciato di essere un rompiscatole, ma vi sono delle cose sulle quali è molto difficile tacere…….

6) Cosa pensi del panorama musicale di oggi?
vi sono molte band nell’underground che sono delle splendide realtà, il problema è che magari a forza di proporre le solite cose che ne riproducono delle altre , si rischia il soffocamento dell’arte e della creatività, a scapito di valevoli esecutori e riproduttori di musiche non loro.

7) La musica per te cosa significa?
La musica è una bellissima arte, che credo non meriti di essere ghettizzata o peggio settarizzata . Purtroppo invece sta succedendo proprio questo, perché la massa, evidentemente mossa da gusti pilotati, è inderogabilmente giudice di se stessa.
ciò nonostante io non mi lamento neanche un po’ dato che la mia musica e il mio playng è sempre fonte di interesse e complimenti … 😉

8) Come nascono i tuoi brani?
sono delle ideee su progressioni, molto nasce jammando con i ragazzi della band, spesso sento il sopraggiungere dell’idea giusta e me la suono in testa se sprovvisto di chitarra e me la memorizzo….

CHI GIA
(foto: SELENE POZZER )

BIO

Loris Fontana nasce a Carate Brianza (MI) e fin da bambino nutre uno spiccato interesse per la musica.
Inizia a suonare all’età di dieci anni , “folgorato” da “made in japan” dei Deep Purple. Da qui il chitarrista comincerà ad esplorare molti territori musicali perlopiù in ambito rock e rock blues affrontando sempre il tutto con profondo interesse e grande impegno. Dopo aver militato in alcune formazioni, nel 1983 fonda il gruppo dei “The Blade” in una prima line-up con orientamenti musicali essenzialmente british.
La band ben presto si identifica nella figura del chitarrista che ne diventa il vero trascinatore, capace di stimolare i compagni e pronto a richiedere loro standard qualitativi sempre più elevati. Proprio in questo periodo viene inciso il demotape “ Living in Rock “, programmato e recensito in moltissime stazioni radiofoniche della penisola , negli appositi spazi underground che vede Loris nelle vesti di canatante, chitarrista e bassista.. La seconda prova “Angel Live ” è la testimonianza sonora, del suono della band dal vivo, anche se proprio il suono della chitarra risulta un pò penalizzato per un errore di mixaggio. Il prodotto viene comunque accolto in modo molto positivo.
L’attività live, nel frattempo cresce, e la band arriva vicina alla produzione di un disco che purtroppo però non verrà realizzato, in seguito allo scioglimento della stessa, per motivi di vario genere dei suoi componenti.
Loris, tuttavia, rimane l’utilizzatore del monicker ” Blade ” e partecipa con la collaborazione di vari musicisti ad alcune manifestazioni zonali ottenendo se
Oltre all’attività live, in questi anni Fontana ha affiancato una attività di studio player, lavorando in alcuni studi della provincia e partecipando a delle preproduzioni importanti di vari artisti tra i quali ” Mr North “,band irlandese, Adrian Flynn, cantante scozzese, ed altri.
Nell’estate del ’95, Fontana ha fatto parte della touring band di John Kanady, bluesman Texano che ha collaborato con artisti come Debert Mc Clinton, Michael Clarke (” The Birds “), Michael Smith, Jimmy Carl Black (Frank Zappa), esibendosi in vari locali del Norditalia.

Nel 1996 Loris ha fondato la cover-band “Princess Moon “con l’intento di girare i locali con low-budget, soprattutto per divertirsi e divertire, proponendo brani dei ” Rainbow “, ” Deep Purple ” ed altri.
Nel Gennaio 1996 Loris ha registrato del materiale inedito,(New Rising Moon – demo) buon esempio di Hard Rock contemporaneo. Il taglio dato alla produzione, diverso rispetto al passato comprende diversi strumenti acustici (liuto, chitarre) tuttavia rimanendo Guitar oriented.

Il chitarrista ha partecipato alla trasmissione televisiva “Segnali di fumo “, in uno spazio dedicato a Ritchie Blackmore proponendo rudimenti stilistici e tecnici del celebre chitarrista.Loris ha definitivamnente sciolto la band Scarecrow nel maggio 2010 (anche se con questa formazione ha ottenuto una discreta visibilità,sia pur mancando nell’insieme quell’importante risorsa che è lo spirito di abnegazione e di “band”…per l’appunto).…
Loris ha fondato a ottobre 2010 la band Dollface in cui oltre ad occuparsi di tutte le chitarre,lo si potrà vedere impegnato nel canto.(cosa non nuova peraltro,dato che cantava anche nei the blade),la svolta stilistica della band Dollface consiste in una miscela tra inluenze dei componenti e generi,che vanno da J. Hendrix,passando per il blues e il grunge e sicuramente un hard rock di cuore,e non sicuramente di maniera.Il 2011 ha visto la band svolgere una buona attività live,con risultati e partecipazione ben oltre le piu rosee aspettative,numerose le interviste a fanzine, giornali e radio e con notevoli novità per il 2012.

Alcune etichette stanno valutando con attenzione il materiale dei Dollface, e a gennaio 2012 la band preparerà delle demo in studio da sottoporre a tali label.

Loris collabora anche con altre formazioni, sempre in territori hard rock,e ha suonato anche con il leggendario batterista dei Deep Purple ,IAN PAICE, e con lo storico batterista JIMMY CARL BLACK (Mothers of invention-Frank Zappa) e recentemente con TM Stevens il funambolico e virtuoso bassista funk (Steve vai).

L I N K

https://www.facebook.com/pages/Loris-Fontana-guitar-player/267518946607872

https://www.facebook.com/DollfaceRockExperience




_DSC0884
(foto: LORIS POZZA )

Previous post

Haru No Kaze, pessimismo e negatività

Next post

Beltrami: "Intorno" al primo album

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”