Band e Redazionali

Mooth: “Slow Sun” il nuovo lavoro

Un ingresso feroce e talentuoso nel mondo musicale
I Mooth sono una formazione pavese di sludge doom, stoner, hardcore; i Mooth in collaborazione con l’etichetta di Pavia Martiné Records pubblicano “Slow sun”, un album dalla matrice noise, miscele di math rock e come dicevamo, influenze hardcore, sluge-doom e stoner, un mix di colonne portanti il cui risultato è un’architettura sonora solida e potente. Otto tracce dai risvolti punk, un lavoro registrato tutto d’un fiato in soli cinque giorni negli Downtown studios.

La band ha messo a disposizione il nuovo lavoro in free download sia sul proprio Bandcamp che su quello della Martiné Records scaricabile dal 16 settembre, un originale comunicativa è stata congeniata dalla band: un codice morse stampato sul retro della copertina di “Slow sun”.

Questi Mooth sono una valanga di chitarre aggressive un bel punk rabbioso che non passa inosservato, trame sonore complesse, ma con equilibrio e potenza liberata generosamente. “Slow Sun” è l’album di debutto di Claudio Bigio, Cosimo Cinieri, Andrea Rotilio e Gabriele Calvi, quattro ragazzi che  hanno messo in piedi un math rock con puntate al noise e allo sludge veramente ottimo. Un debutto di tutto rispetto, alla “grande” per questa band, con atmosfere pesanti, ossessive; “Slow Sun” è un album che farà parlare di sè perchè si sente subito lo spessore armonico negli intrecci sofisticati e nella ricerca di unicità spinta all’esasperazione come i suoni crudi che avvolgono; un ingresso feroce e talentuoso nel mondo musicale. Consigliatissimo.

Bandcamp


a0650198640_2

Previous post

La musica per i bambini del Mozambico

Next post

EVAZERO: "Visioni"

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”