Band e Redazionali

Seraphic Eyes: il grunge come non l’avete mai sentito

Seattle sound, sintetico, tutto racchiuso nella classica aggregazione di voce, chitarra, basso e batteria ma energico e caldissimo…
I Seraphic Eyes sono un gruppo grunge che di esperienza ne ha fatta, e nel 2011 si guadagna un bel secondo posto al concorso delle Officine Musicali di Vercelli;

Un trio di talento, unito dalla passione per la musica, tre musicisti che non è facile descrivere a parole bisogna ascoltarli suonare, ho trovato bellissima la presentazione scritta sul loro sito ufficiale, forse il modo migliore per dirvi chi sono i Seraphic Eyes:

 “Nato in una notte senza luce, il seme dei Seraphic Eyes fu piantato dallo sferragliare incessante di metalli che si scontrano, tra scintille e suoni taglienti. Fu così che la chitarra venne imbracciata da Alberto, al suono di distorsioni, note basse, viaggi veloci e a volte psichedelici, come negli inconfondibili anni ’90. A lui si unirono poi la potenza della batteria di Azza e la forza suadente del basso di Laura”

Con il lavoro che faccio di musica ne ascolto tanta , ma  i Seraphic Eyes sono riusciti  a sorprendermi ferocemente, la loro musica è ricca di aspetti che riportano ai grandi del grunge, del calibro dei Mother Love Bone, ma senza essere simile a nulla di già sentito, un puro Seattle sound, sintetico, tutto racchiuso nella classica aggregazione di voce, chitarra, basso e batteria ma energico e caldissimo. Dei loro brani personalmente adoro “Love Yourself”, bella, bella, bella!  Elettrica, forte, sensuale e aggressiva, ma tutti i pezzi hanno unicità e valore. Consigliatissimi per provare qualche buona frustata di ottima musica!.

Line up

Alberto Marconetto – Voce e Chitarra
Laura Gagliardi – Basso
Alessio Azzalin – Batteria e cori

Official web site

http://youtu.be/wmgrIP0-_MU

Previous post

Scarlet's Walk: "Trasparency"

Next post

La crisi abbatte tutti: UFFICI STAMPA E AGENZIE BOOKING

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”