Aiuto EmergentiEtichette-Studi

Come far ascoltare il tuo Demo !

Conosco benissimo le preoccupazioni che musicisti e band si trovano ad affrontare ogni volta che preparano un demo da mandare alle etichette. Lo ascolteranno? Ho messo tutto? Troppo? Troppo poco? Vediamo di fare un po’ di chiarezza con questo articolo!

Prima di iniziare vediamo di far capire bene cos’è un Demo a tutte quelle giovani band che stanno provando a farsi conoscere dalle etichette.

“La parola Demo non è altro che l’abbreviazione della parola Demonstration e cioè Dimostrazione.”



Sembra banale ma a volte ci si dimentica di questo e si cerca di mettere nel Demo più cose possibili. Invece dev’essere proprio una dimostrazione di quello che state proponendo al mercato musicale, di quello che sapete fare e che vi viene meglio.


E’ buona regola tenere a mente questi punti:


1) I Demo vanno inviati SOLO alle etichette che trattano il vostro genere musicale. Così facendo risparmiate tempo, denaro e i vostri lavori non finiranno nel cestino senza essere ascoltati.

2) Non mandate Demo alle etichette senza prima averle contattate e chiesto il nome del referente che ascolterà il vostro materiale . In questo modo potete inviare la busta all’attenzione del contatto invece che ad un destinatario generico. Aumenterete le probabilità di passare una prima scrematura fatta dal/dalla receptionist .

3) Proteggete la vostra musica con opportune licenze, viviamo in un mondo di “furbi”, vediamo di non farci del male.

4) Il Demo può essere costoso, non cadete nella falsa idea che essendo un demo è solo un assaggio e può non essere perfetto. Funziona esattamente al contrario !




Il migliore dei Demo ?


E’ mio parere personale che i migliori demo siano quelli in Video. Perché? In un video ci sta la vostra musica, vi si vede in faccia, ci potete aggiungere delle interviste, far vedere il pubblico che vi segue e cosa molto importante, vi si vede durante il live. La vostra presenza scenica è la forza che esprimete quando suonate!

Naturalmente sia che si tratti di un video oppure il classico CD, ricordate che:

la regola “L’abito non fa il monaco” per gli emergenti, NON esiste!



L’abito aiuta MOLTO il monaco dunque professionalità prima di tutto. Video girati da professionisti e canzoni prodotte e mixate in studio , hanno moltissime probabilità in più di fare colpo su di un’etichetta rispetto alle cose fai da te! Non dimenticate che chi vi ascolta, lo sta facendo per business.
Più il vostro prodotto è già vicino agli standard di mercato e più gli farete risparmiare soldi. Diventate appetibili !

Previous post

After Moat: "AfterMoat"

Next post

5 cose che puoi imparare dal tuo lavoro... e applicarle nella tua carriera musicale!

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”