Aiuto EmergentiLive

Ecco perchè troppi Live possono far male



Alcune riflessioni
Tempo fa avevo postato un articolo su l’importanza di suonare Live il piu’ possibile. Ma riflettendoci un po’ vorrei fare qualche distinzione.

In genere quando si è nella fase iniziale della propria carriera si consiglia ad un giovane musicista di suonare quanto più possibile, di fare quanta più esperienza su palchi differenti. Ed è giusto che lo facciate, ma il consiglio però è di badare più che alla quantità alla qualità: si perché ci sono anche degli svantaggi nel suonare troppo e senza misura.


L’attrattiva nei tuoi confronti diminuisce


Anche i fan più affezionati non pretendono certo di vederti esibire ogni settimana, e se lo fai rischi di non essere più d’attrazione per chi ti segue, perché è come se il tuo pubblico entrasse in uno stato di assuefazione. Inoltre questo non avvantaggia neppure il tuo rapporto con i promoter, che in genere fanno firmare un contratto in cui in la band che lo firma non si esibisce mai a distanza di settimane ravvicinate. Quindi non conviene mai suonare nella stessa città più di una volta al mese.




Il valore diminuisce


Meno attrattiva, e quindi anche il tuo valore come band diminuisce. Ciò che vale molto generalmente è qualcosa di raro, limitato e questo vale anche per un tuo show: chi ti supporta dovrà sentirsi onorato di farlo, e più accade eccezionalmente più il tuo valore crescerà.




La tua fanbase non incrementerà


Se accetti sempre di suonare senza valutare la qualità dell’evento rischi di suonare senza ottenere alcuni vantaggi: Se suoni assieme ad un’altra band , valuta se di buon livello, così da assicurarti una buona fetta di pubblico che i locali, specie di questi tempi, vi chiedono senza troppi giri di parole. Quindi prima di dedicare tempo alla ricerca del locale giusto, meglio prima cercare il “giro” giusto.




Ti costerà inevitabilmente sacrificare altri show


Suonare sempre nello stesso posto ti porta ad avere un calendario ricco ma ripetitivo, che potrebbe farti perdere l’occasione di partecipare ad eventi speciali e di maggior rilievo. Inoltre se instauri un buon rapporto con i promoter puoi anche organizzare un calendario strategico di appuntamenti in luoghi diversi.




La stanchezza


Molti show possono stressare la band: un fattore che non gioverebbe ne’ alla tua carriera ne’ alla tua vita personale. Quando pianifichi un calendario tieni conto quindi anche del fattore salute, indispensabile per poter suonare sempre al meglio.




Ti allontana dal costruirti una carriera


Gli show richiedono molto tempo, non si tratta solo di suonare sul palco ma anche di organizzarsi per raggiungere il posto, fare le prove… Si tratta di rubare del tempo in più che potresti dedicare alla composizione, all’organizzazione della tua carriera musicale, organizzare un tour che tocchi più luoghi, arricchire il tuo network di contatti o incontrare qualcuno che possa essere rilevante per la tua carriera.

Il consiglio quindi è quello di saper organizzare e gestire il tuo tempo in modo strategico, così da migliorare e far progredire la tua carriera. Guarda ai tuoi obiettivi a lungo termini, creando un calendario che sia ricco di eventi speciali, diversi e di serate in posti sempre differenti. Ad esempio, se il tuo obiettivo annuale è di 100 serate, assicurati che almeno 90 siano fuori dalla tua città.

E ancora per migliorare la tua strategia, pensa se la tua band potesse suonare solo quattro volte in un anno…. come ti organizzeresti? A quali serate vorresti partecipare? Con quali band vorresti suonare? Se dai un valore al tempo di cui disponi e credi che ogni show necessita di essere considerato parte dei tuoi obiettivi a lungo termine, saprai sicuramente scegliere con più cura a quali show prendere parte !







” Vuoi aiutare la musica emergente ? Condividi l’articolo tra i tuoi amici musicisti, grazie !! ”

Previous post

Le Voci di Caudium - music contest

Next post

Come assicurarsi che i tuoi fans tornino sul sito web

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”