Aiuto EmergentiFans

Non far scappare i tuoi fans dal sito web !

Ecco cosa non fare nel sito
Sembrerebbe scontato che un fan ritorni sempre a far visita al tuo sito web, eppure non è così se non riuscirai ad offrirgli un’interessante, indimenticabile e piacevole visita virtuale. Non sono pochi gli utenti che negli ultimi anni hanno lamentato una scarsa efficacia dei siti web, incapaci talvolta di garantire una navigazione chiara e fluida.

Questo non significa dover realizzare un sito straordinario, che quindi comporti anche grandi spese, ma un sito sicuramente semplice ed efficace che non costringa l’utente a tirarsi i capelli, a sbuffare o chiudere sfinito il computer.

Ecco allora un elenco di caratteristiche da evitare nella costruzione del tuo sito web perché poco gradite al pubblico, costringendolo a non tornarci mai più.

– Intro in Flash. Oltre a rallentare l’apertura del tuo sito è anche ormai datata come soluzione.

– Assenza di mobile-ready. Se qualcuno visita il tuo sito web dal proprio smartphone o tablet potrebbe trovarsi nella condizione di entrare di un gioco di espansioni e scansioni, e potrebbe dopo qualche minuto rinunciare alla navigazione per rimandarla a quando avrà un pc sottomano. Vi dimenticherà !

– Assenza di lettura immediata. Ciò a volte è causato da particolari interfacce colorate, testi troppo piccoli o blocchi di parole non accuratamente divisi in paragrafi. Oggi motivare le persone a leggere è già molto difficile, in queste circostante di dura interpretazione diventa impossibile.

– Il Design del tuo sito risale all’età della pietra. Non è necessario disporre delle ultime avanguardie del web per promuovere la tua musica ma se utilizzi ad esempio ancora Angelfire, la gente potrebbe avere qualcosa in contrario.

– Un’ortografia urticante. Certo errare è umano, e nessuno starà a guardarti dall’alto a basso per puntarti la pistola contro ma ricorda che perseverare è diabolico: avere un sito web pieno di errori ortografici rischia di urtare non solo nelle lettura della pagina web ma può spingere il tuo pubblico ad avere dei dubbi anche sul tuo quoziente intellettivo.

– Troppi annunci. Quando clicchi un link per leggere un articolo e d’improvviso, magari diverse volte, si apre una pagina web che ti invita a mettere un “mi piace” o ad iscriverti ad una mailing list come ti senti? Certo a qualcuno non importa, ma la maggior parte odia navigare così. Pensaci quindi se implementare queste funzioni al tuo sito web. Hai notato che nel mio Blog non c’è nulla di tutto questo?

– Musica o video in auto-play. E’ una funzione poco gradita al pubblico, che spesso preferisce sfogliare le pagine web scegliendo la propria musica preferita. Oltre al fatto che magari sta sfogliando il tuo sito web dall’ufficio e far partire una canzone a tutto volume potrebbe portarlo in una posizione poco piacevole.

– Navigazione poco fluida. Un buon sito web offre alle persone la possibilità di poter navigare facilmente, permettendo di trovare in cinque secondi ciò che sta cercando: se non è così, non ti resta che rivedere e testare le caratteristiche del tuo sito web. Non spulceranno mai il sito per ore, e se non apporti modifiche in tempo rischierai di perdere potenziali fans.

– Mancanza di aggiornamenti. Mai rendere il proprio sito web una città fantasma: se non si aggiorna costantemente il vostro sito web la gente inizierà a pensare che visitarlo sarà inutile.

– Pulsanti social celati. In confronto ai punti precedenti si tratta di una caratteristica secondaria, eppure nell’era dei social media in cui viviamo anche questo dettaglio può fare la differenza: in molti amano condividere contenuti rapidamente, e una condivisione torna utile anche a te a livello pubblicitario, per cui l’omissione di pulsanti social di facile utilizzo potrebbe scoraggiare alcuni utenti

” Se l’articolo ti è piaciuto, seguici anche sulla Pagina Facebook cliccando l’immagine qui sotto , grazie ”

Facebook Page

Previous post

Intervista a Federico Malaman

Next post

Intervista a Marco Andrighetto

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”