Aiuto EmergentiSocial Network

I Trolls nei Social: come affrontare la critica provocatoria

Sapersi difendere virtualmente
E’ impossibile piacere a tutti. Non importa cosa dici o cosa fai online, rischi sempre potenzialmente di offendere qualcuno ( o semplicemente li liquidi sempre nel modo errato).

Ma per un musicista, uno scrittore, un fotografo o per chiunque operi nel campo dell’arte può essere davvero seccante. La tua anima, la tua arte è su uno schermo, a disposizione di tutti per lacerarla fino a ridurla a brandelli.
Benvenuto nel mondo degli “Haters” (una categoria di personaggi che disprezzano fino al fanatismo tutto ciò che ti riguarda)o comunemente chiamati Trolls, i Nerd chiacchieranti che si nascondo dietro la protezione di uno schermo, dietro un sacchetto di patatine, il cui compito è quello di far sentire inutile chiunque incontrino online.

I Trolls nei Social hanno portato la faccenda decisamente ad un altro livello: con la velocità di condividere un messaggio di testo, la fiducia nel tuo ego e nella tua persona possono essere distrutti da un semplice commento o tweet mandato da qualcuno a te sconosciuto, condiviso con il resto del mondo, e quindi a tutti visibile.
Ricevere riscontri negativi è difficile da affrontare. Ma se si tratta di una critica onesta, ne si può dare una certa considerazione e accettarla per ciò che è, cioè un opinione che possa aiutare a riflettere e migliorarsi. Ma se il commento ricevuto è un troll senza fegato che lo fa per sport, il tuo umore non ci metterà molto a scaldarsi.
La prima reazione sarà infiammata, condivisa in un tono crudo simile a quello dei trolls. Ma devi resistere, devi dimostrarti superiore e prenderti un momento per respirare e ripeterti questo parole: pensaci due volte. Commenta una volta.

Se le loro critiche hanno un senso ( ad esempio ”I cori sono troppo fievoli in questa canzone, e non mi piace” ), volendo puoi rispondere. Ma rispondi semplicemente, non metterti a fare questioni o a litigare.
Per esempio, potrei rispondergli “Hey, grazie per il tuo commento. E’ dura decidere questo genere di cose, terrò a mente il tuo commento durante la prossima registrazione”.
Come anche per un hater, questo tipo di risposta rende difficile una risposta velenosa di replica. Problema risolto.

Ma se il commento o tweet che ricevi è chiaramente di un troll (ad esempio “Amico tu fai schifo. Odio la tua voce e il rumore che viene fuori dalla tua bocca mi sembra una scorreggia umida”). Tutto quello che posso dirti è di non occupartene, passa avanti.
Per quanto possa essere allettante affrontarlo, non ci guadagni assolutamente nulla. Ignorali, e anche se il troll torna per un secondo tentativo, rifiutarti di occupartene spingerà i venti in un’altra direzione e si occuperanno ben presto di altro.

Mettersi in una lotta di parole online è pericoloso, specialmente su Twitter o Facebook dove le tue risposte possono essere viste istantaneamente da milioni di persone. Una critica stupida può inevitabilmente compromettere la tua carriera, perdendo il rispetto dei fans e dei colleghi dell’industria musicale. Potresti passare per un ragazzino immaturo o come qualcuno a cui non dare supporto o con cui non entrare in affari. Quindi non c’è nulla da guadagnarci.

Non occuparti dei Trolls.
Pensaci due volte. Rispondi una volta.

” Se l’articolo ti è piaciuto, seguici anche sulla Pagina Facebook cliccando l’immagine qui sotto , grazie ”

Facebook Page

Previous post

5 strumenti per promuovere la tua musica!

Next post

Echotime: "Genuine" l'album di debutto

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”