Aiuto EmergentiBand

6 propositi per una marcia in piu’

Suggerimenti per iniziare bene

Il 2014 è iniziato da un po’ certo, ma è sempre bene rivedere i propri propositi-obiettivi da portare a termine e tra questi per un musicista non possono mancare quelli correlati alla propria carriera musicale, e se ancora non hai provveduto a scriverli allora è giunto il momento di farlo!

To Do List

Ecco allora in sei proposte qualche spunto per l’elaborazione degli obiettivi da portare a termine entro l’anno per dare una scossa alla tua carriera da musicista. Trattandosi di spunti puoi modificarli e rielaborarli a tuo piacimento, ma quello che conta è che tu sia fedele alla loro realizzazione, almeno della metà di quelli che ti sei fissato.

1. Dedicare delle ore fisse alla tua musica

Se vuoi davvero portare avanti la tua carriera da musicista, prenditi delle ore abbondanti da dedicare esclusivamente al tuo progetto musicale: non puoi leggere su una guida quale sia il numero di ore da scegliere, perché variano a seconda dei casi e delle esigenze. Solo tu puoi organizzare la settimana e gestire il tempo nei migliori dei modi, senza dimenticare di lasciare da parte tutto il tempo di cui hai bisogno per dare una svolta giorno per giorno alla tua carriera. Ricorda inoltre che quando decidi quanto tempo dedicare ad un’attività, devi rispettare quel programma facendo una scaletta di quelle che sono le tue priorità al momento: ad esempio un programma televisivo non può sostituirsi alle ore da dedicare alla musica, perché lo show può aspettare ma la tua carriera no!

2. Metti su il tuo sito web

Se non ne hai ancora uno è il momento di dedicarsi alla realizzazione del tuo sito web: il tuo biglietto da visita, il tuo curriculum online e uno strumento che in poco tempo ti permette di entrare in contatto con il tuo pubblico ma anche con i professionisti del settore. So che stai già pensando che hai una pagina Facebook e questo è un bene ma non potrà mai sostituirsi con un bel sito interattivo. Se invece hai un sito ma non lo aggiorni di frequente con i nuovi servizi che la rete ci offre, è tempo di farlo. Non importa a che punto sia la tua carriera, perché ogni sito web si adatta alle esigenze più disparate: basta anche solo fornirsi di una guida online per comprendere come ottimizzare al meglio il proprio sito web.

3. Pianifica le tue serate dal vivo

Le serate live sono un’ottima occasione per farsi conoscere e anche per mettere qualche soldo da parte, in modi disparati che vanno dall’essere pagati direttamente dall’organizzatore dell’evento alla raccolta fondi e alla vendita di Cd e Gadget. La soluzione migliore sarebbe cercare di attuare tutte e tre le fonti di guadagno per mettere da parte un bel gruzzoletto che servirà a finanziare la tua musica. I concerti possono rivelarsi una delle fonti di guadagno più proficue se organizzate nel modo migliore e sapendosi anche circondare delle persone giuste.

4. Seguire con più attenzione i social media

Non significa passare più tempo su queste piattaforme ma iniziare ad utilizzarle strategicamente, magari concentrandosi su due o tre in particolare. Questo perché più saranno le piattaforme a cui dedicare del tempo e minore sarà il numero di minuti che dedicherai all’ottimizzazione di ciascuna, per seguirle tutte una ad una. Finiresti così per non riuscire a dedicarti con successo a nessuna, perdendo anche tempo. Qualità non quantità!

5. Collaborare almeno una volta al mese con un nuovo musicista

Collaborare con altri musicisti è una grande occasione doppia, sia per una maggiore esposizione soprattutto se il collega in questione gode di una certa notorietà, sia perché è una grande occasione di crescita e confronto. Ci si apre così ad un fanbase diverso, a cui promuovere la propria musica con la possibilità di poter acquisire nuovi fans. Ora non sto dicendo che dovete sciogliere la Band una volta al mese per avere collaborazioni diverse, ma oiuttosto trovarsi con musicisti diversi magari per una jam, per una “comparsata” ad un live di band amiche ecc..
Obiettivo deve essere quello non di collaborare con lo stesso musicista svariate volte, ma avere la possibilità di collaborare regolarmente con diversi musicisti così da avere la possibilità di avere a che fare con un pubblico sempre diverso a cui presentarsi, che potenzialmente può divenire un tuo fan. Si possono conoscere musicisti e far nascere collaborazioni ad esempio usufruendo di siti come Soundcloud, che mettono a disposizione dei musicisti tutti gli strumenti per mettere in mostra il proprio talento. Oppure si può entrare in contatto con altri artisti locali a cui proporre una collaborazione.

6. Dedicare almeno un 30% del tuo tempo al music marketing

Nell’era dei musicisti indipendenti e dell’alta tecnologia dove tutto è alla portata di tutti, un musicista non può farsi trovare impreparato dinanzi ad uno dei tasselli più importanti della costruzione della sua carriera. Se sei in una fase in cui riesci a produrre della buona musica riuscendo a competere con i musicisti del tuo genere, allora è tempo di vendita. Se non impari a vendere la tua musica, un potenziale pubblico non conoscerà mai le tue canzoni e sarà difficile rendere noto il tuo nome ad un pubblico che si prospetta diventi globale.
Se allora desideri diventare qualcuno che conti, il 30% del tuo tempo dedicato alla musica deve concentrarsi sul music marketing, sia che si tratti del primo passo che ti porterà dal fare musica a venderla, sia che tu abbia iniziato già a venderla e sia giunto il momento di portare ad una quota sempre più alta il tuo numero di fan. Se è la prima volta che hai a che fare con il termine music marketing, navigando su internet potrai trovare diversi siti e sezioni professionali dedicati all’argomento: ricorda che chi cerca, trova!

” Se l’articolo ti è piaciuto, seguici anche sulla Pagina Facebook cliccando l’immagine qui sotto , grazie ”

Facebook Page

Previous post

Organizzare e promuovere i tuoi Live

Next post

11 ragioni perché la tua auto-promozione non funziona !

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”