Aiuto EmergentiEtichette-Studi

Sai proporre la tua musica al mercato discografico ?

Ecco una questione che agli emergenti fa storcere il naso:

i musicisti hanno bisogno di vedere se stessi non solo come anime tormentate con in mano plettro e chitarra, ma anche come venditori di musica.



Una volta che avrete capito quanto sia inevitabile questo vostro ruolo, scoprirete di essere circondati da manager, editori, produttori, etichette discografiche, giornalisti e blogger da convincere sul valore della vostra musica. Ma come preparare al meglio il terreno di gioco per far decollare la propria musica?




1. Impara a (ri)conoscere il tuo pubblico


Concentratevi nel capire in profondità con chi avete a che fare e voi chi siete e cosa avete da dare: non ha importanza se stai parlando con un tipo importante di una casa discografica, con un giornalista del Rolling Stones o con un’adolescente che sta facendo esperienze di lavoro in uno studio locale, ciò di cui avete bisogno è capire che abbiano a che fare con la vostra musica ed essere capaci di dimostrare a quelle persone che c’entrate qualcosa con ciò che fanno.
Se ad esempio vi avvicinate ad una casa discografica, per evitare di far perdere tempo a voi e loro, approfondite la storia, le persone che vi lavorano e il genere di musica che trattano. Imparate a conoscere chi vi circonda.




2. Rendere facilmente disponibile la propria musica a chi ascolta


Come è ormai noto si vive in un mondo digitalizzato e globalizzato, dove l’email è diventata una dei mezzi di comunicazione rapidi privilegiati: se ne ricevono però davvero tante al giorno, e spesso dalla noia non si arriva mai a leggerle fino in fondo ed è per questo che la comunicazione che vi troviamo all’interno deve diventare rapida ed efficace, per assicurare agli iscritti tramite un semplice link di poter ascoltare la vostra musica immediatamente ovunque si trovino. Soundcloud e Dropbox sono due sistemi gratuiti che vengono in vostro aiuto per assicurarvi chiarezza e rapidità nella comunicazione con il vostro pubblico.




3. Non provocare crash ai client mail


Potrebbe apparire come un consiglio scontato ma non lo è mai: non allegate mai email con contenuti audio di 40mb, capaci di generare crash ai vostri computer e a quelli altrui, con il rischio di chiudere rapporti per sempre. Sempre meglio puntare su un link di collegamento e di download bene fatto ma sempre in formati adeguati e modesti come quello MP3, che generalmente è il più diffuso.




4. Fornire qualche informazione sulla vostra attività musicale, senza esagerare


Includere una piccola bio sulla vostra attività musicale, chi siete, come, dove e quando è nata, può essere utile e interessante all’interno delle vostre mail: non dimenticare di lasciare sempre qualche contatto e magari un breve elenco con risultati ottenuti in passato nella vostra carriera. Anche in questo caso ciò che conta è non esagerare con testi troppo lunghi, e se vuoi fornire più informazioni basta riportare il link che li indirizzi direttamente al tuo sito web, e lo stesso si può fare per ricondurre a video, foto e quant’altro pubblicizzi la vostra attività musicale.




5. Preparare un materiale promozionale accattivante e di qualità


Fate sempre una selezione di ciò che volete mandare alle persone: attenzione anche alle foto, se non sono ad alta risoluzione e professionali meglio lavorarci ancora, così come anche per la musica che deve essere sempre registrata in alta qualità. Con le possibilità tecnologiche che ci sono oggi, anche a buon prezzo ci si aspetta sempre un certo prodotto.




6. Non inviare nulla fino a quando non si è pronti


E’ più che normale che l’entusiasmo per un brano registrato, e che si pensa possa funzionare, spinga immediatamente ad inviare ad un discografico o al responsabile del reparto artistico di una major il proprio lavoro. Un pezzo ben fatto però non basta a spingere qualcuno ad investire su di voi, perché oggi si punta su chi si è già costruito un seguito: una pagina facebook con almeno 5.000 fans che vi assicuri un fanbase iniziale, una fama locale che vi abbia portato a fare esperienza di live, insomma dovete presentarvi con del materiale succulento per destare un’attenzione proficua e crescere. Se tutto questo manca, allora iniziare a costruire le fondamenta del vostro palazzo e solo dopo potrete passare alla fase successiva, e proporvi agli addetti ai lavori.

Previous post

"Retrofuture" il nuovo l'Album degli Ekynoxx

Next post

Le Outside firmano Why? Un EP pieno di domande, quelle vere, e dai colori grunge

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”