Aiuto EmergentiBand

Come il tuo gruppo può fare la differenza

Be different

E’ diventata impresa ardua oggi far spiccare la propria band da tutte le altre: c’è necessità di distinguere la propria musica tra quelle delle milioni di band che circolano in rete, ma ogni band o artista in tutta la storia del rock si è sempre trovato nella situazione di dover fare qualcosa per prima e che facesse la differenza, ed oggi più che mai risulta difficile farlo in modo eclatante. Tuttavia ci sono dei piccoli trucchi a cui la tua band può appellarsi, e sbaragliare la concorrenza.

Un sound nuovo

“Impossibile”, “Ormai è stato fatto tutto”, “ Voglio un suono che sia come quello dei The Clash dopo il rilascio di Sandinista nel 1981”: si tratta delle comprensibili reazioni che la tua band può avere dopo l’incitazione alla ricerca di un nuovo sound. Certo generalmente nella nostra era possiamo dire che i traguardi raggiunti sono stati tanti, e trovare qualcosa di nuovo è difficile ma non impossibile. In realtà non tutto è stato fatto, perché la maggior parte della band – compresi i The Clash”- non vivono a casa tua: non conoscono la tua sala prove ricavata in cucina, gli strumenti che usi per cucinare che possono aiutarti a creare suoni e loop, e non conoscono il numero di stanze che magari possono diventare una cassa di risonanza. In casa ci sono miriadi di idee, strumenti e possibilità per ragionare sulla creazione di un nuovo sound tutto tuo.
E uscendo di casa, potresti scoprire camminando per strada un piccolo negozio di giocattoli che vende delle piccole tastiere Casio ignorate da molti ma non da te che potresti pensarci di farci una canzone, e magari su ebay c’è un ragazzo che vende un organo a buon prezzo risalente agli anni 80’ che produce suoni prima d’ora mai presi in considerazione. Questo per dirti che se ti guardi intorno hai la possibilità di entrare in possesso di una strumentazione a cui magari nessuno ha ancora pensato, e che può aiutarti ad immaginare e a creare nuovi suoni che poi diventeranno tuoi.

Un nuovo look

Se sei uno di quelli che pensa “La musica è tutto” e tutto il resto è un contorno, allora devi assolutamente ricrederti: avere una buona immagine oggi è fondamentale. A creare un atteggiamento poco accogliente verso la cura del look da parte dei musicisti è stata sicuramente anche l’errato uso dell’immagine, spesso ridicola quando una band finisce per emulare i suoi miti oppure quando si presenta in atteggiamenti fortemente ribelli e scontrosi, rasentando il bizzarro.
La soluzione? Scegliere uno styling convincente, un fondale interessante e un fotografo professionista che abbia prima di tutto delle idee originali e interessanti che sappia giocare con la fotografia e le possibilità della luce.
Fino a quando ti accontenterai di indossare esclusivamente i tuoi vestiti, farai grande difficoltà a trovare un look unico: per questo ci si può affidare alle idee di un buon fotografo anche per creare un proprio stile adatto a te, e che ti permetta di differenziarti dai membri delle altre band.

Dare un’immagine nuova di se stessi

Molte band credono che il rilascio di un cd comporti semplicemente l’emissione di un comunicato stampa che informi i giornalisti dell’uscita dell’album e del suo sound che mescola quello degli Oasis con qualche synth nuovo. Messa da parte la musica però l’uscita di un album crea grande attenzione non solo sul prodotto che si propone, ma anche su chi ha generato quel sound: il tuo batterista ha un passato da criminale? Il cantante salta come una capra? Il chitarrista manda in estasi le fan? Questi esempi estremi per ricordarti che le peculiarità di ciascun membro e le loro vite personali possono anche essere una fonte d’ispirazione per generare un maggior interesse da parte della stampa verso di te e la tua band, presentando anche delle storie interessanti. L’importante però è che la storia di un membro non finisca poi per oscurare la band e il suo lavoro, al punto che l’album cada nel dimenticatoio in quanto poco pubblicizzato dal critico che ha sprecato migliaia di righe per raccontare la storia di ciascun componente. E’ importante quindi creare sempre un equilibrio tra quella che è la “gossip zone” e la “music zone” per non rischiare di trasformare quello che può essere un vantaggio, uno svantaggio.

” Se l’articolo ti è piaciuto, seguici anche sulla Pagina Facebook cliccando l’immagine qui sotto , grazie ”

Facebook Page

Previous post

Prophexy: all' "IMPROVVISO"

Next post

"Tu e la Tua Carriera": ebook in free download !

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”