Aiuto EmergentiLive

5 punti per migliorare i tuoi primi live show


L’importanza dello Show



Non importa se si tratti di qualche serata in un mese o di un tour in giro per il mondo: i live show sono importarti ad ogni fase della tua carriera, un momento speciale in cui fan e artista hanno la possibilità di incontrarsi, divertirsi e invecchiare insieme.

Per molti è in occasione del live che si ascolta davvero la musica, ed è per questo che per non deludere il tuo pubblico ti suggerisco qualche dritta per non farti cogliere mai impreparato, soprattutto nei tuoi primi live.




1. Suonare in diversi posti


Non c’è niente di meglio che girare diversi palchi per trovare il proprio posto ideale: se sei un solista o siete in pochi con una strumentazione limitata, i posti in cui puoi suonare sono davvero illimitati. Esci quindi dalla tua zona comfort e cogli l’occasione di scegliere sempre un palco diverso ed un pubblico nuovo. Librerie in sinergia con qualche autore che presenta il nuovo libro o in teatro a supporto delle letture di qualche poeta sono solo alcune idee diverse dal solito locale. Sarà una sfida intensa da cui imparare molto.




2. Differenzia la tua band da tutte le altre


Si incoraggia spesso i musicisti a rendere i loro live show adrenalinici: questo non vuole dire impazzire sul palco per deliziare il pubblico, ma è un giusto consiglio per rendere il tuo show più accattivante e diverso dagli altri. Questo vuol dire prendere in considerazione diversi aspetti dello show, che si trasforma così in un auto rappresentazione. C’è chi sceglie look particolari e diversi di volta in volta e chi invece se li crea ad-hoc per la location : ciò che conta è l’attenzione al dettaglio che ti renderà riconoscibile ai fan.
Più si passa il tempo sul palco e più si scoprono diversi modi per presentare la propria musica: se i vostri pezzi suggeriscono una certa atmosfera con le luci, se suggeriscono che avvenga un cambio di look sul palco, non esitare a farlo. Se ogni canzone è “messa in scena” secondo la giusta sensibilità, ogni show andrà a meraviglia. L’obiettivo è trovare un legame tra il presentare se stessi e la propria musica, in un connubio che piaccia a te e al tuo pubblico.




3. Comunicare dal palco


Più si suona e più si impara a interagire con il pubblico: prima e dopo una canzone, il tuo atteggiamento trasmette un certo messaggio, per cui interagire dipende esclusivamente dall’artista. Per molti musicisti può essere un semplice contatto visivo di tanto in tanto, per altri consiste nel commentare il luogo in cui ci si trova o quella particolare location: se si ha già dimestichezza con questo genere di cose, allora si può anche iniziare a pensare di introdurre delle brevi storie da condividere con il pubblico, mantenendo però sempre alta l’attenzione sulla musica.
E se il tuo atteggiamento è tendenzialmente quello di essere sempre un po’ sulle tue, magari può diventare uno stile di approccio verso il pubblico e che si trasforma così on un tuo tratto distintivo.




4. Registra i tuoi concerti e studiali


Oggi è davvero semplicissimo avere un video della propria performance, e può essere molto utile per tirare le somme e capire oggettivamente cosa ha funzionato e cosa no. Si ha così una sorta di specchio. Un buon video però non deve solo riprendere la performance live, ma deve riportare anche dettagli come l’entrata e uscita dal palco: sono elementi che fanno parte dello show, e non hanno meno importanza della canzoni.




5. Il Feedback


Ricevere un feedback da chi c’era al concerto è fondamentale, il problema è non sapere da quale tipo di persone arriveranno questi feedback. In realtà è bene collezionare pareri da persone diverse, anche se si occupano di ambiti diversi dal tuo: magari ricevere un feedback da chi si intende di arte teatrale può aiutarti a capire da punto di vista visivo e performativo cosa funziona e cosa no.