Aiuto Emergenti

L’avvocato risponde : proteggere il brano con la SIAE ?

DOMANDA: Devo iscrivermi alla SIAE per provare la data nella quale è stato composto un mio brano?

Domanda posta da Andrea (Milano)

Annosa questione, sicuramente fra le più ricorrenti.

Per rispondere brevemente alla Tua domanda: no non è necessario. Vari sono infatti i metodi per provare la paternità di un’opera, e il deposito alla SIAE del relativo bollettino (mod. 112) è solo uno dei tanti. Tra l’altro, prima di entrare nei dettagli, vorrei effettuare una premessa: il ruolo principale della SIAE non è infatti, come erroneamente creduto da molti, quello di proteggere i tuoi brani, bensì quello di ripartire royalties agli autori sulla base dell’utilizzo delle opere, il tutto ovviamente oltre alla promozione e alla diffusione del diritto d’autore. Il deposito e la prova di paternità dell’opera non sono pertanto la ragione per la quale un autore dovrebbe associarsi; meglio invece concentrarsi sui proventi derivanti dallo sfruttamento dei singoli brani e sui vantaggi derivanti dall’azione di collecting dell’ente.

Posto pertanto che il deposito di un brano alla SIAE come associato o mandante può certamente determinare, fino a prova contraria, la data certa nella quale è stata composta (o meglio, consegnata all’ufficio di riferimento) un’opera, esistono comunque vari mezzi alternativi per avere una datazione dei brani, come i seguenti:

a) Autoinviarti il file via PEC allegando il brano (attenzione, evita di spedire una raccomandata con ricevuta di ritorno, cosa che in molti fanno ma che dal punto di vista giuridico non è la migliore fra le scelte possibili);

b) Depositare l’opera presso un notaio (via tutto sommato costosa e anacronistica, ma va messa comunque nel novero delle alternative);

c) Effettuare la marcatura temporale del file (il servizio Ti permette di associare data e ora legalmente valide ad un documento informatico);

d) Depositare il brano presso una collecting society estera.

Come vedi, le possibilità sono diverse.

Ciò premesso, colgo l’occasione per sottolineare un punto: posto che da Gennaio 2015 l’iscrizione in SIAE per gli under 30 è gratuita, e che in ogni caso, infra o ultratrentenni, è possibile – nell’ipotesi si voglia solo sfruttare i servizi di deposito opere e di collecting – conferire unicamente mandato all’ente (possibilità meno costosa) senza associarsi, sei veramente convinto che convenga optare per un’alternativa?

A presto, and keep on rockin’..

Marco

L’Avv. Marco Imperiale si occupa da anni di consulenza e supporto agli Artisti nell’ambito del diritto civile, del diritto d’autore, della contrattualistica e dell’organizzazione di eventi. Oltre all’esperienza legale, è autore, musicista e vanta collaborazioni con etichette discografiche e booking agencies. Svolge la propria attività a Bologna.

Sito : STUDIO IMPERIALE

Linkedin: Marco Imperiale

Skype: avvocatoimperiale

Facebook: Marco Imperiale