Band e RedazionaliRecensioni

Ugo Busatto: “LA MIA VALIGIA”,il primo EP

Ugo Busatto, cantautore di Galatone si racconta in modo semplice, la sua passione per la musica nasce presto…

“…Ero un bimbo delle scuole elementari quando mi avvicinai per la prima volta al mondo della musica, facevo parte di un coro di voci bianche…poi nacquero i primi gruppi e arrivarono anche le prime serate nei locali…”.

E fu proprio in quel periodo che Ugo capì quanto fosse importante per lui la musica, che non poteva farne a meno; sapeva che lo avrebbe accompagnato per tutta la vita.

Nel Giugno 2014 consegue il diploma di canto al CPM di Milano. Durante il suo soggiorno nel capoluogo lombardo si confronta con varie esperienze musicali, dai locali live alle esibizioni per le strade; si iscrive addirittura alla Fnas (federazione nazionale artisti di strada). Ugo inizia alla scrittura di nuovi testi e canzoni; poi nel 2014 partecipa alla ventesima edizione del “Premio Mia Martini” arrivando in finale. Nel dicembre 2014 pubblica il suo primo lavoro autoprodotto, un EP di cinque tracce intitolato “LA MIA VALIGIA” dal quale verrà estratto il singolo “DOMENICA SERA”.




Le cinque tracce del primo lavoro di questo artista emergente ci riconducono al cantautorato italiano puro, ma che padroneggia con delicata eleganza il blues, il pop e il rock mixati con garbo e posti a sostegno di testi semplici venati di ingenua chiarezza che rendono ancor più limpido il talento di questo artista agli esordi della sua vita musicale, piacevole e fruibile con un ottimo bagaglio emozionale è consigliato a chi nella musica vuole leggere i sentimenti ed emozionarsi. Ottimo futuro singolo “Il cielo e la terra”, brano che più ha conquistato il mio ascolto.

Su Facebook: https://www.facebook.com/ugobusattoofficialpage

Previous post

Partecipa al nuovo video di Martin Basile, Andrea Diprè ed Anima! A Genova il 13 marzo.

Next post

NESLI: 1 MILIONE E MEZZO DI VISUALIZZAZIONI PER IL VIDEO DI “BUONA FORTUNA AMORE”

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”