Band e RedazionaliRecensioni

Noàis: Lanterne l’album d’esordio

Noàis è un progetto di Jacopo Perosino che nasce nel 2012; Perosino a quel tempo scriveva e componeva canzoni per voce e chitarra, esibendosi come solista; poi arriva la decisione di cercare dei compagni di avventura, a Jacopo si uniscono Roberto Musso, bassista e percussionista con importanti esperienze alle spalle; Paolo Penna, eclettico chitarrista, e Vincenzo “Piuma” Penna fonico ufficiale. Lo studio di registrazione di casa Penna, l’Archensiel Studio diventa la base operativa dei Noàis.

Nell’estate seguente si aggiungono alla band Simone Torchio e Luisa Avidano; con questa lineup parte il progetto di cantautorato, arricchito dalle singole esperienze dei suoi componenti: folk, rock, blues, musica classica, musiche popolari del bacino del Mediterraneo e del nord Europa. Il progetto viene chiamato Noàis; il nome scelto viene spiegato cosi dalla band stessa: “Noàis, plasmato dall’ inglese No Ice (senza ghiaccio, liscio), oltre che a essere un buon modo per gustare il whiskey, rappresenta buona parte del nostro modo di intendere la vita e, di conseguenza, anche la musica; è un nome corto e difficile da scrivere in modo corretto. Vi ci siamo rispecchiati fin dal primo momento”. Nel frattanto a ingrossare le fila della band arriva anche Michele Cocciardo, giovane batterista con già esperienze importanti alle spalle sulla scena milanese.

Nel 2014 esce il primo disco autoprodotto: “Lanterne”, sette tracce frutto di due anni di lavoro; l’ep viene masterizzato presso gli studi di Punto Rec Studios di Torino da Fabrizio Argiolas e stabilmente inserito nel loro catalogo editoriale. Di recente si è unita alla carovana la giovanissima Maria Rita Lo Destro in qualità di vocalist femminile.

L’album si compone di sole sette tracce ma ognuna di grande unicità e atmosfera; adoro “Mary Jane” una ballata armonica e dolcissima; entusiasma l’ascolto di “Emmeraviglia” ritmica e dal sound caraibico che mette addosso la voglia di muoversi e ballare; e poi è impossibile non citare “Per colpa di Maria” cosi vivace e originale, dalle sonorità che sono una piacevole galoppata tra ritmi e stili diversi che si rincorrono e si abbracciano. Si coglie grande sinergia e passione. Album notevole e gradevole…per estimatori.

Line up

Jacopo Perosino Voce, chitarra acustica, piano, ukulele, penny whistle, tamburello

Paolo Penna Chitarra elettrica, chitarra acustica

Luisa Avidano Violino

Simone Torchio Basso, scacciapensieri

Michele Cocciardo Batteria, Cajon

Roberto Musso Percussioni, rumori, tamburelli, bodhran

Maria Rita Lo Destro voce



LINK:

Facebook facebook.com/noaisband

Twitter @noaisband

Youtube www.youtube.com/user/noaisband

Disco acquistabile su iTunes: itun.es/it/GTIQ3

Previous post

ROCK IN PARK : dal 22 Maggio al 21 Giugno 2015

Next post

Luigi Friotto: l'album d'esordio "Lucernario"

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”