Band e RedazionaliRecensioni

Il Quarto Imprevisto: “Resti” l’album

La band “Il Quarto Imprevisto” ha radici napoletane e nasce nel 2012. Fondata da Antonio Gera e Giovanni Feliciello, vede in un secondo momento l’ingresso di Riccardo Schmitt e nel 2014 di Emiliano Berti. Nel 2012 pubblicano tre brani registrati in presa diretta presso gli studi di Casa Lavica; intanto realizzano i primi live. Nel 2013 un nuovo prodotto audio/video con una sessione live di tre brani che rappresentano il loro percorso di crescita graduale. Questo primo lavoro dà seguito ad una serie di live e impegni promozionali (Citofonare Cuccarini – Rai Radio 1, Nano festival 2014 – primo posto e premio booking) utili a limare e a definire i contorni della band.

Il 2015 è l’anno dell’esordio ufficiale con “Resti”, un disco che racconta: “l’eterna contrapposizione tra ragione e sentimenti. Dieci canzoni, dieci affreschi di emozioni, in cui la nuda umanità viene descritta e sezionata in un linguaggio musicale a metà strada tra cantautorato italiano e pop internazionale. Lo sguardo attento su quello che accade dentro.Una finestra aperta sul mondo interno, su quanto ci attraversa. Le imprevedibili risposte dell’uomo alle sfide poste dall’esistenza”.

Le dieci tracce dell’album hanno sonorità differenti ma il filo musicale conduttore è un sottile ponte dai suoni limpidi che lega tutto l’album, molto belle le lunghe introduzioni strumentali, e la voce che entra in punta di piedi, con discrezione e poi si amalgama con le note con sempre maggior calore. Coinvolgente il brano “Mille”, che mi piace moltissimo un mix di melodico, romantico e ritmato; nella globalità un bellissimo album, valido e impegnato, curatissimo. Del brano che da il titolo all’album come già detto l’intro ha molta classe, accompagna chi ascolta dentro l’universo de il Quarto Imprevisto. Da non perdere!

TRACKLIST:
1. Mire
2. Il Nostro Inverno
3. Da Lontano
4. Dopo Un Giorno
5. Mille
6. Pagine
7. Non è Il Caso
8. Pare Sia Normale
9. Tutto Sa Di Noi
10. Resti

Line up:

Antonio Gera (voce, chitarra acustica)
Laureato in Sociologia, capisce ben presto che quella non sarà la sua via. Hater di tribute e cover band, arriva a Il Quarto Imprevisto dopo diverse esperienze in band di musica inedita.

Giovanni Feliciello (chitarre, synth)
Vent’anni di studi tra la musica classica ed elettronica, la voglia di conoscenza non pone limiti ai linguaggi d’espressione. Turnista presso diversi artisti nazionali e arrangiatore.

Emiliano Berti (basso, contrabbasso)
Venticinque anni tra live e registrazioni con vari artisti italiani.

Riccardo Schmitt (batteria, drumpad)
Grande passione per le percussioni ed i suoni elettronici. Forte esperienza in ambito teatrale con tournée italiane ed estere. Collabora attivamente con il compositore Pasquale Catalano per il quale ha suonato svariate colonne sonore di film (Mine Vaganti, Magnifica Presenza, La Versioe di Barney, etc.)

I link della band

Sito web: www.ilquartoimprevisto.it

Facebook: www.facebook.com/IlQImprevisto

Twitter: www.twitter.com/ilQimprevisto











il4imprevistocover

Previous post

Intervista a Albert Eno

Next post

Intervista a Anonimo Italiano

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”