Aiuto EmergentiBand

Gli errori più comuni per i Musicisti Emergenti

Ecco gli errori più comuni che i musicisti principianti fanno quando cercano di entrare nel mondo della musica e del suo business

Se si vuole avere successo nel mondo della musica, ci sono molte cose che dovete sapere e molte che vanno fatte.



Ma anche se si ottiene una buona partenza, si può non raggiungere il successo a causa di errori critici lungo la strada (e ce ne sono molti che farete, se non fate attenzione).




– Affidarsi a troppe persone, mentori e manager magari improvvisati, ecco uno sbaglio che molti musicisti fanno spesso. Il mio consiglio e di affidarsi solo a una persona alla volta e che questa abbia una documentazione a disposizione per verificare successi e progetti passati (non fidatevi delle parole).




– Non avere una immagine convincente adatta alla musica che proponete. La maggior parte dei musicisti e band sottovalutano l’importanza della propria immagine. Sì, la musica è fatta di “musica” per cosi dire ma gli affari, la musica e il successo fanno parte di un pacchetto più completo che include oltre la musica anche immagine e spettacolo visivo tra le altre cose che devono essere sviluppate in modo congruente tra loro.




– Come paradosso abbiamo poi l’errore contrario: cioè badare troppo all’immagine e a farsi conoscere velocemente attraverso di essa invece di consolidare prima l’interesse del pubblico verso la vostra musica con ascolti e interviste in radio, rotazione radiofonica dei brani, eventi live e ogni forma di comunicazione che raggiunga il pubblico.




– Puntate tutto sui social media, anche se sono le chiavi per la promozione della vostra musica online, ricorda che i siti di social media sono solo uno dei tanti strumenti. Si tratta di un pezzo del puzzle del marketing on line musicale. Le aziende del settore “Musica” come etichette discografiche, manager per artisti, agenti di promozione ecc. sono molto interessanti e utili allo sviluppo della popolarità del vostro sito web come della notorietà dunque è d’obbligo allacciare contatti anche con questi professionisti . Trovate sempre del tempo per questo tipo di relazioni.




– Non Impegnarsi  al massimo e con tutte le energie nel progetto musicale. un grave errore è quello di dedicargli solo del tempo marginale; se credete in quello che fate dovete dare il massimo. E circondarvi di persone che affrontano la cosa con lo stesso intento, determinazione e passione.




– Non fate l’errore di pensare che gli eventi live anche di media importanza non servano; dovete cantare/suonare dal vivo ogni volta vi si presenta l’occasione, inoltre tenete presente che per far partire un progetto musicale che riesca ad aprirvi per una carriera musicale ad un buon livello , bisogna avere dei fondi ed imparare ad investirli nei mezzi necessari a diventare una band di successo (marketing, studi registrazione di livello, promozione su web, rotazioni radiofoniche). Senza un minimo di budget iniziale non si va molto lontano. Duro da mandare giù ma vero! Dunque sfruttate ogni opportunità per suonare dal vivo e portatevi con voi alcuni Cd da vendere durante questi eventi.




– Non bastano le prove. Lavorate tanto sulla qualità della musica nuova inedita e migliorate il vostro talento con studio quotidiano dello strumento, non basta solo quando siete alle prove. Proponete i vostri lavori inizialmente a case discografiche minori per farvi notare, non puntate subito in alto con il rischio di un rifiuto e cattiva pubblicità.

Riguardi le case discografiche, tenete presente che vogliono conoscere la vostra musica, il vostro talento e la vostra band, ma anche quanto valete come persone, quanto siete affidabili e soprattutto quanto la vostra musica può trasformarsi in un buon investimento.





Banner 2



Previous post

SMOKEY PUNCH // Il nuovo singolo è la loro versione di "Friday I'm in Love"

Next post

ESCE OGGI IMPRONTE DI SABBIA, IL NUOVO SINGOLO DEI BIFF: COGLIETE L’ATTIMO!

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”