Aiuto EmergentiMedia

Strategie social : la regola del 70-20-10

La presenza sui social della tua band manca di materiale accattivante e realizzato con una forte attenzione alla varietà dei contenuti?

 

Spesso le band dedicano un tempo consistente all’auto-promozione, ma il contatto con i fan finisce per essere unidirezionale presentando unicamente un prodotto da vendere.

 

Le vendite invece dovrebbero essere quell’incentivo in più per visitare la tua pagina social, su cui condividere contenuti interattivi e raccontare la tua vita artistica. C’è allora una regola che denota un perfetto equilibrio di tempo, attraverso cui ottenere proprio questo risultato. E’ la regola del 70-20-10.




Il 70% dei contenuti dovrebbe costruire il tuo brand

La maggior parte dei contenuti che condividi dovrebbe concentrarsi sulla tua storia e sul tuo brand: magari il tuo genere musicale è l’ hardcore e stai costruendo la tua immagine su quello, ma la tua personalità non manca di senso dell’umorismo e allora puoi lavorare su questo contrasto per attirare l’attenzione di nuovi seguaci.
Ecco un piccolo esempio: Puoi pubblicare un video in cui la tua band dietro le quinte si diverte a ballare, o postare ad esempio la foto del tuo cantante preferito che canta a squarciagola, scrivere una nota di ringraziamento a tutti i fan che ti seguono, sia vecchi che nuovi. Sono dei momenti che contribuiscono a raccontare la storia della tua band: pensa a cosa da fan tu vorresti vedere pubblicato sulla bacheca del tuo artista preferito.
Ci sono gruppi che fanno un notevole lavoro di condivisione, postando foto in studio,per strada, oppure insieme ad amici o colleghi: sono quelle foto che i fan trovano più accattivanti e che li coinvolgono.




Il 20% dei contenuti dovrebbe essere condiviso per altri artisti e da altri artisti

E’ una piccola porzione, ma può essere fondamentale per migliorare i collegamenti con il tuo network: in quanto nuova band, sei costantemente in contatto con colleghi emergenti, fotografi freelance, fonici, grafici. Se una band ti invita a prendere parte ad una serata o ad un concerto, ricorda di farlo sapere ai tuoi seguaci: è così che si costruiscono relazioni con le altre band e potrai beneficiare di un network di contatti disposti ad ottenere un reciproco beneficio.
Ecco alcuni esempi:

-Condividere l’uscita del nuovo disco di una band con la quale uno dei tuoi membri è in tour e ha collaborato, informando della presenza di un progetto parallelo
-Condividere l’evento di un locale che ti ha ospitato più volte.

Per questo genere di contenuti va prestata molta attenzione: si tratta di condivisioni in cui devi credere veramente, perché tutto torna al tuo marchio. Se pubblichi notizie su un progetto irrilevante e in cui tu per primo non credi, potresti perdere stima da parte dei tuoi fan.




Il 10% dei contenuti dovrebbe essere di auto-promozione

Questo è quanto di più difficile si possa chiedere ad un musicista, che vedono i social media come l’occasione di esternare le proprie emozioni. Il social media è uno strumento per comunicare con il tuo pubblico, non al tuo pubblico e inoltre occhio a ciò che scrivi rendendo chiusa la tua auto-promozione. Non scrivere “Comprate il nostro nuovo EP”, ma meglio chiedere “Qual è la canzone che preferisci del nuovo EP?”. Una questione questa, che entra nel nostro 70%.

Nel corso dell’uscita del disco o del lancio di un grande tour, le band hanno voglia di postare spesso la notizia, ma questo non deve rivelarsi un modo per vendere sfacciatamente i tuoi prodotti. Meglio trovare allora un modo per coinvolgere i propri fan, senza parlare chiaramente di acquisto o di far capire che si è dinanzi ad una strategia di promozione. Anche in questo caso deve essere lo spirito di condivisione a prevalere: è questo il mondo di fare auto-promozione con parsimonia.


Riepilogando allora: In due settimane hai da fare 10 messaggi su Facebook. Sette di loro sono rilevanti per il tuo marchio e per la tua personalità, due di loro sono indirizzati a sostenere un progetto musicale parallelo rilevante, uno invece invita all’azione e quindi all’acquisto del prodotto. Si tratta di un modello che offre un ampio raggio di flessibilità e di creatività. Gestire i social media è un lavoro che tiene occupati, ma può essere molto divertente: la regola del 70-20-10 è un ottimo modo per comunicare con i tuoi fan e per avere un giusto equilibrio nella condivisione dei contenuti pertinenti.