Aiuto EmergentiBandSocial Network

Le 3 aree chiave di Networking per un musicista

Non conta quello che sai, ma quello che sei”, è una frase che abbiamo sentito citare innumerevoli volte e spesso si corre il rischio di soffermarsi troppo sul secondo punto e davvero poco sul primo.

Potremmo allora dire “Non è che tanto quello che sai, ma è quello che sai su chi conosci”. E’ una frase che può apparire strana ma che in realtà denota una nuova prospettiva: la frase originale trascura chiaramente quanto conoscere qualcuno sia un lavoro molto duro, che richiede tempo, esperienza e anche creatività.

Per conoscere davvero bene qualcuno e comprendere come destare il suo interesse è importante in particolar modo sapere:

-Quali sono i loro interessi
-Come trascorrono il tempo
-A quali gruppi/associazioni/aziende appartengono
-Numero di telefono
-Conoscere i nomi di chi intrattiene legami con loro
-Cosa li porta a comportarsi in un certo modo

E’ il “si sa” a ingannarci, che ci porta solo a dire che quel tipo “conosceva il proprietario” se ha ottenuto la serata che noi non siamo riusciti ad avere, o che “ti ha rubato il posto”, se un batterista viene ingaggiato per una session al posto tuo. Il punto è che i “collegamenti” nella musica sono proprio quelli che fanno andare avanti la tua carriera.

Può far male assistere a certe situazioni però funziona esattamente così: chi riesce a ottenere quello che tu volevi ha semplicemente saputo giocare le sue carte meglio di te.

 

Ciò non deve farti arrabbiare ma deve solo motivarti a fare ancora di più.Sono in particolare tre le aree di networking che un musicista indipendente deve saper gestire.


[bctt tweet=”Non conta quello che sai, ma quello che sei”]

 


Il Networking con i locali

Per un musicista indipendente si tratta dei contatti più fruttuosi: ti aiuta ad ottenere una base regolare di fan quanto a costruire i contatti giusti per organizzare serate con più regolarità. I locali sono l’occasione anche per costruire “amicizie” con gli artisti della zona, quanto con chi si occupa di organizzare serate e che aggiungendo il tuo nome al suo elenco ti permetterà di crescere e incrementare la tua notorietà.

Utilizzare inoltre i contatti dei locali è un buon modo per creare anche serate che coinvolgano diversi artisti, alcuni dei quali puoi essere proprio tu a proporli. Accade spesso che…

-Un locale può avere bisogno di uno o più artisti per una serata imminente
-Il locale può rivolgersi a te
-Se anche tu non sei coinvolto in un progetto puoi proporre qualcuno che ritieni adeguato
-Un locale o un promter vuole risparmiare tempo, quindi si affida ai consigli di chi conosce bene
-L’artista che fa uno spettacolo può con il tempo restituire il favore ad un altro

Infine, costruire relazioni con i locali apre le porte del “Abbiamo bisogno di un’artista pronto”. Si tratta di quelle occasioni ed eventi che vengono organizzati all’ultimo momento e che possono portare a richiedere artisti senza preavviso: è chiaro che ad essere contattati saranno quegli artisti che godranno degli “agganci” giusti. Non ti piacerebbe essere tra questi?




Il Networking con gli artisti

Per alcuni artisti la musica è competizione…

-Chi può ottenere un numero maggiore di fan
-Chi vende più album
-Chi fa più concerti

A guidare lo spirito di chi la pensa così è solo la paura e l’arroganza. Un vero artista sa bene che la collaborazione porta molti più vantaggi e benefici della concorrenza.

Chi guarda alla musica come un mondo di collaborazioni sono persone felici e che sanno porsi in modo giusto verso il proprio lavoro, hanno più successo in ciò che fanno, sanno conquistarsi i fan giusti. A pensarla così in genere sono musicisti già conosciuti o che godono di una certa fama, sa costruire una buona rete di artisti attraverso cui far crescere il proprio lavoro. Avere a che fare con queste persone non solo può portarti a grandi vantaggi, ma renderà più gratificante il tuo lavoro.

Come entrare allora in contatto con gli artisti?

1. Puoi iniziare a stringere i rapporti con le band, stringendo i rapporti con uno dei membri della band, magari dopo aver suonato insieme dopo una serata. Oppure puoi presenziare alle serate del locale in cui suoni e poi conoscere dopo lo show gli artisti che si sono esibiti.

2. Fai una lista delle band e degli artisti che sono più conosciuti di te e cerca di entrare in contatto con loro: i concerti organizzati dalla città o dai locai più noti della città sono davvero una ricca opportunità in questo senso.

3. Ricorda che i contatti non vanno semplicemente segnati in agenda, ma vanno coltivati con costanza. Altrimenti, che senso avrebbe cercarli?




Il Networking dell’ autopromozione

Si tratta di un networking passivo in confronto a quello che avviene tramite i locali e gli artisti, ma che può essere molto utile per arricchire i tuoi contatti: l’autopromozione per un’artista è fondamentale, per questo bisogna farla con la giusta creatività e anche osare per attirare l’attenzione.
Non puoi permetterti di passare inosservato, e se fatta nel modo giusto può rivelarsi davvero efficace: da questo punto di vista la giusta cura del sito web e dei social network aiuta a fare la differenza. Saper sfruttare le opportunità della rete è alla base di una buona autopromozione, e contribuisce a valorizzare la tua identità come artista.

Quali sono allora le opportunità che possono giovare alla tua autopromozione?

-L’apertura di una pagina social
-Creare su Facebook un gruppo che raduni tutti i gruppi della città
-Insegnare agli altri artisti qualcosa che hai imparato tu
-Realizzare qualcosa che valorizzi le tue capacità e pubblicarla attraverso la tua pagina social o attraverso i tuoi account social: una cover, un pezzo eseguito in modo particolare o l’abilità di un membro della band, aiuta ad aumentare il tuo numero di seguaci e ad incrementare il tuo fanbase.