Aiuto EmergentiLive

3 regole “di mercato” per il tavolo merchandise

Sono davvero pochi gli artisti che terminato lo show, fuori dal palco corrono al banco del merchandise per conoscere meglio il pubblico, magari sorprenderlo perché non si aspetterebbero mai di incontrarli e di poterci persino scambiare due chiacchiere.

Perché allora gli artisti non dovrebbero stare sempre al banco merci dopo essersi esibiti?

Non ci si dovrebbe sorprendere nel vedere una band che incontra i propri fan dopo un concerto. Dedicare del proprio tempo che vada al di là della performance sul palco, e in particolar modo ai fan che vi hanno assistito è una grande opportunità, un modo ravvicinato di vivere e condividere il proprio amore per l’arte, che dovrebbe essere alla base di ogni carriera. E dicendocelo chiaramente, può aiutare anche in prospettiva economica: un fan può essere molto più motivato ad acquistare un gadget dopo aver scambiato due chiacchiere.

 

Eppure sono numerosi gli artisti che si aggrappano ancora al vecchio mito, per abitudine o per nostalgia, delle grandi star inaccessibili e inavvicinabili, che non devono far altro che esibirsi e non sporcarsi le mani con un lavoro che non gli spetta.

 

Incontrare i fan, linfa della propria carriera, non è un lavoro però anzi può rivelarsi un momento di interazione molto piacevole e anche istruttivo, dal momento che avete il modo di studiare meglio il vostro pubblico.

Rompere questo cliché dovrebbe essere il primo compito di un’artista che voglia guardare avanti, avvicinando ancora di più la propria musica a chi ascolta. Ecco allora tre consigli efficaci per buttare giù queste barriere e mostrare la figura di un musicista decisamente più umano, e che possono davvero fare la differenza nella crescita della propria carriera musicale.

 

[bctt tweet=”Rompere i cliché dovrebbe essere il primo compito di un’artista”]

 

1.Avere qualcuno che stia fisso al tavolo della merce.

Certo richiede un costo, ma avere una persona in carne ed ossa che possa interagire con chi viene al bancone può essere un grande vantaggio perché può motivare chi si avvicina. Offri un piccolo profitto a chi starà al tuo posto durante la tua performance, trattalo come merita per il lavoro che ti sta offrendo.

 

2. Quando non sei sul palco, corri al tavolo merchandise.

Assicurati di aver messo il tavolo in bella vista, nell’area party e non in quella backstage, dove si finisce per bere e far baldoria: ricordati che stai sempre lavorando, e piuttosto che spassartela con la groupie di turno, coinvolgila nella vendita di gadget e cd, potrebbe essere un buon escamotage per attirare fan.

 

3. Il tavolo delle merci è l’ultima cosa da smontare.

Le persone odiano portare roba in giro per tutta la notte, ed inoltre è alla fine della notte che si fanno gli incassi.

Ti basterà seguire queste tre semplici dritte per vedere grandi miglioramenti nelle pubbliche relazioni, nella riuscita generale della serata ma anche e soprattutto nelle tue tasche.