Band e RedazionaliRecensioni

Lello Savonardo: Bit Generation il concept album

Lello Savonardo il sociologo-cantautore, il cui trascorso accademico è di grande spessore, presenta l’ulteriore evoluzione del suo progetto, infatti, dopo il libro, il ciclo di seminari all’Università di Napoli e il programma radiofonico, oggi Bit Generation diventa un disco; dove spiccano collaborazioni eccellenti;da Edoardo Bennato al celebre studioso Derrick de Kerckhove. Bit Generation è un concept album che mixa gli interessi scientifici di Savonardo con la sua passione per la musica. Indubbiamente un un progetto culturale, work in progress, che coinvolge e trova le sue radici in diversi ambiti.

L’album, già ricco di suo, espande la sua valenza nelle partecipazioni di altri artisti, tutti grandi nomi: Edoardo Bennato, autore del testo de “L’Equilibrista” e suona l’armonica in due brani, poi Gennaro T e Mario4mxFormisano degli Almamegretta, Maurizio Capone, per il brano “Sole della Tribù”, il percussionista/rapper/attore Ciccio Merolla, il dj Danilo Vigorito,fautore della versione dub di “Bit Generation”, il rapper e dj di Radio Deejay Gianluca Tripla Vitiello, il bluesman Gennaro Porcelli, il premio Tenco Giovanni Block, Claudio Poggi, Renato Marengo, Alex Giordano, E Derrick de Kerckhove, che recita alcuni versi del brano “Always on”, ispirato alle sue teorie sulle culture digitali. Grandi firme anche per la cover, che per questo album è di Alessandro Rak, premio Oscar europeo per la regia del film di animazione “L’Arte della Felicità”.

Un album intenso, un racconto dell’evoluzione, sociale e culturale attraverso gli anni, un progetto che lo stesso artista ha cosi definito: “…sempre connessi, always on, attraverso i nuovi strumenti interattivi le nuove generazioni comunicano, si esprimono e danno vita a linguaggi creativi e produzioni culturali inedite. Negli anni Sessanta, Beat esprimeva ribellione, battito, ritmo. Oggi, Bit è connessione, condivisione, partecipazione…”

L’album comprende 12 tracce, il brano che apre l’album è la versione dub di “Bit Generation” che aldilà dell’impegnato testo è anche un pezzo ballabile e gradevole; cosi come “Alwais on”, dal ritmo incisivo, diluisce poi il mood di partenza dell’album il terzo brano: “Il tempo passa” melodica e intensa, molto bella e che ha il potere di emozionare, da citare “L’equilibrista” canzone della quale si ama subito il testo e i passaggi di armonica caratteristici. Un album davvero speciale, direi “ da non perdere” se la voglia è di musica vera…

CONTATTI&SOCIAL

www.bitgeneration.eu
www.lellosavonardo.it
www.lacanzonetta.it

Facebook: Bit Generation – Lello Savonardo
Twitter: @Bit_Gen
Istagram: Bit.Generation
YouTube: Lello Savonardo



Lello Savonardo 2

Previous post

Blastema: “Tutto finirà bene“ , il nuovo album

Next post

Alfonso De Pietro: "Di notte in giorno", il nuovo album

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”