Aiuto EmergentiBand

10 errori da non commettere quando si realizza un CD

Prima di raggiungere l’olimpo delle star ogni band o artista ha una gavetta da fare e un’identità da costruirsi: ne abbiamo infatti parlato precedentemente di quanto sia importante presentarsi alle label come una band ben formata a livello musicale e personale.

Farsi conoscere al pubblico è una tappa fondamentale che comincia proprio esibendosi nei locali, nei festival e in occasione di eventi musicali: ciò avviene presentando anche i proprio pezzi che possono essere raccolti in un cd, che si trasforma in un’importante veicolo di promozione. Ecco perché è bene tenere conto di alcuni accorgimenti durante la realizzazione di un album:

il processo di creazione fino ad arrivare alla produzione e alla distribuzione è fondamentale venga affrontato con cura.





1- Non esagerare con il numero di copie


Vedere un cd pubblicato è sempre un’emozione, e non da meno è vedere un buon numero di copie ma è proprio con le copie da ordinare che è fondamentale fare attenzione, senza lasciarsi prendere da un entusiasmo irrefrenabile. E’ difficile essendo alle prime armi stabilire quante copie saranno necessarie, così ci si affida alla teoria che è meglio abbondare piuttosto che ritrovarsi con un numero di copie insufficiente: dal momento che però è difficile prevedere quante copie riuscirete a vendere alla fine di ogni serata o evento, che tanto può portare a vendere un grande numero di copie così come a venderne nessuna, in considerazione delle occasioni che si prospetteranno per pubblicizzare e distribuire l’album regolarsi con un centinaio di album da ordinare può andare più che bene. E se la vendita procedesse a gonfie vele allora aumenterete le dosi di volta in volta così da non lasciare completamente al verde il vostro portafogli e correre troppi ed inutili rischi.




2- Evitare la stampa Do It YourSelf su cd


Come molti di voi sapranno oggi sono tantissimi i programmi alla portata di tutti che permettono non solo di realizzare il cd, ma anche attraverso un procedimento progettare l’etichetta rotonda che andrà a decorare il cd: spesso si tratta di semplici decorazioni, altre volte di titoli e nome dell’artista scritti in un carattere particolare e altre volte ancora si tratta di disegni che abbelliscono il lavoro.

Molti potrebbero pensare che risparmiare proprio per questo tipo di stampa possono procedere da soli semplicemente comprando una buona stampante ad inchiostro, avere un briciolo di creatività e il gioco è fatto. Non è esattamente così che funziona, perchè la stampa da copertina richiede più impegno di quanto crediate: magari potete fare questo per i Cd che volete usare come Demo da lasciare a locali ecc.. ma quando si ha bisogno di realizzare tante copie destinate alla vendita, la vostra idea finirà per portarvi via non solo dei soldi ma anche il tempo.

In quest’ultimo caso, meglio affidarsi a dei professionisti del settore: la cosa migliore sarebbe quella di portare un modello, magari anche un solo cd con su stampata l’etichetta e poi farlo realizzare al meglio con i giusti apparecchi e i giusti materiali senza rischiare di bruciare il lettore di qualche fans!




3- Organizzare Release Party senza “la sostanza”, cioè il cd!


Qualcuno potrebbe dire: “cominciamo a prenotare la serata, tanto poi i cd arriveranno”….Non potreste fare errore più grave. Sarebbe alquanto imbarazzante suonare i pezzi di un cd senza avere il cd tra le mani e quindi precludervi la possibilità di conquistare potenziali fans: riflettete sullo svantaggio, ma anche sulla mancanza di serietà che dimostrereste. Ecco perchè come evidenzieremo nel punto a seguire è fondamentale non ordinare i cd all’ultimo secondo, dato che potrebbe esserci sempre il fattore dell’imprevedibilità, dato come ben si sa la vita non è programmabile!




4- Non Ordinare in tempo i cd


L’uscita del cd per completarne la realizzazione è una data importante da sapere sopratutto in vista di tour o di altri appuntamenti che permetteranno al pubblico di avvicinarsi alla vostra musica. E’ necessario ordinare i cd sempre qualche tempo prima della data in cui vi servirà, così da battere anche il fattore imprevedibilità qualora potessero presentarsi problemi di stampe, errori o modifiche dell’ultimo secondo. Essere calcolatori in questo genere di situazione è fondamentale.




5- Eccessive complicazioni nella realizzazione di book e copertine


“L’arte del cd”, se così vogliamo chiamarla ha certamente una sua importanza: i colori, le foto, i caratteri indicano al di là dell’attrazione della grafica la filosofia, la personalità di un’artista o di una band. Spesso all’interno troviamo ringraziamenti, frasi, disegni degli stessi artisti che fanno sentire i fans ancora più vicini a loro, ecco perchè  anche il lato estetico dell’album non va sottovalutato…ma non va neppure ingigantito! Come sempre “equilibrio” è la parola giusta!

Non si può certo ritardare l’uscita del cd per capricci: dimensioni sbagliate, foto poco convincenti, colori non di proprio gusto…è bene quindi avere chiaro sin dall’inzio dimensioni, foto, colori e idee artistiche così che questo fattore non ostacoli la definitiva realizzazione dell’album.

Fondamentale però è analizzare le risorse che si hanno a disposizione: fotografi e artisti vanno pagati, e questo genere di servizi non costano poco. Se le monete scarseggiano è meglio puntare su qualcosa di semplice e fatto bene piuttosto che strafare e spendere grandi somme senza idee chiare, ritrovandosi con lavori fatti a metà se non da rifare.




6- Non avere strategie di lancio digitale


L’abbiamo sottolineato anche precedentemente quanto sia fondamentale l’ausilio di Internet oggi nel campo della promozione musicale: la grande rete spesso permette di scoprire le canzoni di band che si sono fatte conoscere attraverso internet, e grazie alla notorietà che si sono guadagnati tra i fans sono riusciti poi a raggiungere un contratto discografico.

Un fans può decidere di non comprare il cd subito a fine serata o magari gli piacciono solo alcuni pezzi che preferisce avere successivamente: questo è possibile grazie a piattaforme come I-Tunes o qualsiasi store digitale che permetta il download. Torniamo quindi all’importanza di essere prevedibili, ma soprattutto anche preparati e pieni di idee: è importante quindi rendere disponibili i vostri pezzi su piattaforme digitali o anche su siti di streaming, si perchè al di là del download viene prima l’ascolto. Ci possono essere fans ad esempio che ascoltando su canali streaming la vostra musica e scoprendola possono decidere di venire a vedervi dal vivo: inoltre potete anche attraverso il vostro sito web utilizzare strategie di download con pagamenti tipo Paypal.

Con Internet quindi le possibilità di arrivare al pubblico si moltiplicano vertiginosamente!




7- Non avere nessun tipo di strategia di lancio


Quando si pensa alla promozione, alle strategie di lancio e di ascolto si pensa subito allo scopo finale, che è quello della vendita. Invece c’è molto di più.

Arrivare alla promozione e al lancio di un cd per una band è un momento fondamentale anche perchè deve riuscire a trasmettere l’entusiasmo di essere arrivati così in alto ai propri fans: realizzare video durante la registrazione in studio oppure magari mostrare un luogo per voi significativo dove avete già pubblicizzato il cd, video teaser con qualche anteprima circa l’album in realizzazione o ancora un video che mostri le fasi di stesura di ogni momento che ha portato alla realizzazione dell’album è sicuramente un’espediente piacevole per catturare l’attenzione di potenziali ascoltatori, sia quelli nuovi che di vecchia data. Coinvolgere il pubblico in questa fase e in quella successiva, conta più di quanto si possa credere: ultimamente ad esempio si realizzano due video ufficiali, uno che mostri la band al lavoro durante il pezzo e uno che spesso si trasforma in un breve corto ispirato alla canzone.




8- Non avere strategie post-rilascio


Non meno importante è che le strategie di lancio continuino nel tempo…magari fino all’attesa del prossimo album in cantiere. Una volta uscito il cd le sole serate non possono aiutarvi ad allargare la vostra fetta di pubblico, ecco che è importante che procediate sempre con nuove idee e novità che suscitino reazioni da parte dei fans, che magari siano stesso loro ad invitare altri ad ascoltare la vostra musica. Creare partnerships, relationships con aziende anche di settore diverso, con siti musicali oppure con addetti al settore è un passo che contribuirà ad arricchire ulteriormente la vostra cerchia di ascoltatori e fans.




9- Dimenticarsi di license e diritti


Al di là di problemi legali che possono sorgere qualora fosse necessario salvaguardare un proprio prodotto, frutto di lavoro e creatività, non registrare il copyright dei propri pezzi ed album non solo è pericoloso perchè in questo modo chiunque potrebbe divertirsi a plagiare e a spacciare per suo il vostro lavoro, ma può rivelarsi anche come una perdita di fonte di guadagno per voi.

I passaggi che avvengono attraverso i media, quindi radio, cinema, televisione, spot pubblicitari possono essere una grande fonte di guadagno: ciò avviene però se disponete di diritti per dare in licenza il vostro prodotto altrimenti nessuno potrà usufruire della vostra creazione.




10- Non avere contratti con chi riceve compensi


Chiarezza e trasparenza tra collaboratori di lavori e progetti sono due ingredienti fondamentali:è importante sapere quanta percentuale ciascun riceva dall’album a cui si è lavorato insieme, perchè qualcuno lascia la band vorrà la sua percentuale per il lavoro che ha svolto precedentemente su quell’album. E’ importante che ci sia sintonia e accordo anche in queste situazioni proprio per evitare che si intercorra in problemi di tipo legale.
Sono questi quindi gli accorgimenti basilari per realizzare un buon lavoro, che abbia alla base creatività, entusiasmo, conoscenza e sintonia per fare fronte ad ogni tipo di problema si presenti.




” Vuoi aiutare la musica emergente ? Condividi l’articolo tra i tuoi amici musicisti, grazie !! ”

Previous post

Il musicista è un ingranaggio della band!

Next post

Prima di registrare in studio: 5 punti su cui riflettere

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”