Alberto

Il Project Manager Musicale: Gratis o Retribuito ?

 

Proprio in occasione del mio ritorno da Mosca, ho avuto modo di scrivere e appuntare quanto la mia figura, quella del Project Manager Musicale, a cui spetta l’organizzazione e la coordinazione di un progetto in tutte le sue fasi, dalla nascita allo sviluppo, fino alla sua riuscita e promozione, sia fondamentale per non solo il successo di un progetto ma anche per lavorare al meglio.

Ma una responsabilità così ampia non basta oggi ad attestare l’importanza della figura in questione. Nel mondo della musica, dove il ruolo di ogni professione ed il suo rispettivo rilievo dovrebbe essere ben noto, c’è ancora scetticismo ed ignoranza al punto da credere che il Project Manager Musicale non sia una vera e propria figura dunque non vada retribuita.

Ho realizzato, scritto e messo a disposizione sul mio sito Quadriproject.com numerosi articoli a disposizione dei musicisti per aiutarli, in quanto Coach di auto-promozione, ad orientarsi in un mondo come quello della musica che sia nel suo specifico campo artistico, sia in quello del business, varia alla velocità della luce. Il Quadriproject vuole essere quindi una guida, oltreché una vetrina attraverso la quale mostro le competenze e la preparazione richiesta ad un Project Manager Musicale. E’ lo spazio in cui raccolgo il meglio della mia esperienza nel campo musicale a 360°, ma anche le mie letture e considerazioni: è un momento di confronto e condivisione per crescere con chi opera nel mio settore.

Questo non vuol dire che il mio sia un lavoro gratuito. Il mio è un lavoro a tutti gli effetti, e come tale ogni mia consulenza prevede una retribuzione. I miei consigli e suggerimenti commisurati ad ogni progetto musicale, che per ogni artista è diverso, sono un lavoro che richiede tempo e pazienza. Le mie competenze di marketing, lo studio del settore, che mi permettono di curare la promozione di un progetto equivalgono alla consulenza ad un avvocato richiesta per ogni tipo d’esigenza.

Come si investono solo per una registrazione, allo stesso modo si investono in promozione. Quale senso vi è nel registrare un disco ma non saperlo o poterlo promuovere, soprattutto nella maniera giusta, secondo una strategia che si adegui al progetto musicale che vi è a monte? Un musicista non ha sempre le competenze e il tempo per farlo. Si affida ad una persona che sappia prendersi cura del processo di promozione, e quella figura è il Project Manager Musicale, che vi dedica tempo, pazienza e passione. E’ quindi lavoro. Non è un caso che ad un livello altamente professionale si calcoli infatti sempre un budget destinato all’attività di promozione.

E’ bene quindi cambiare mentalità: il Project Manager Musicale è un lavoro a tutti gli effetti, che va retribuito e tutelato.