Aiuto EmergentiMedia

Nel marketing della musica le parole sono fondamentali

L’importanza delle parole nella comunicazione



Il mercato della musica è bello sì ma va saputo recepire e sopratutto percepire, non si tratta infatti di un luogo molto facile dove potersi muovere.

Per muoversi nel mercato della musica bisogna saperlo fare. E’ necessario che talvolta si prendano persino dei piccoli “colpi”.
Sì, quando iniziamo l’avventura dobbiamo tenere conto che non sarà tutto rose e fiori, anzi, talvolta sarà una continua salita, ma senza abbattersi mai si cercherà si superare ogni piccola difficoltà per arrivare all’agognata meta del successo.

Lanciare una canzone sul mercato musicale non è cosa facile, spesso infatti le produzioni non riscuotono successo non perché non siano ottime ma sopratutto perchè non riescono ad intercettare i mercati di massa, in questo caso piccole nicchie si interesseranno alla nostra musica ed è proprio dalle piccole nicchie che bisogna partire alla scoperta del successo.

Per fare del buon marketing bisogna imprescindibilmente usare delle strategie.



Anche questa volta, come faccio spesso ti presento un piccolo schema da seguire per raggiungere il tuo obiettivo, non è nulla di particolare, non ho scoperto nulla di così raro, ho solo speso buona parte del mio tempo a studiare esempi di chi è riuscito a raggiungere la meta e, attraverso lo studio delle operazioni di marketing compiute dal musicista che ci è riuscito,posso permettermi di darti qualche suggerimento che non devi sprecare.

Il mercato della musica prevede la creazione di piani di marketing che devono essere di per sé vincenti.
Ecco qualche consiglio utile e sopratutto interessante, segui la mia mappa concettuale, fatti le domande e crea le risposte se è il caso e cerca sempre, proprio sempre, di dare risposte coerenti con lo stato reale delle cose:


– Come è la tua musica?

– La tua musica è per tutti, ovvero per un tipo di pubblico misto oppure è “esclusiva”, di nicchia?


Cerca di rispondere in modo serio senza fare ironia e, dopo aver risposto inizia a riflettere sui tuoi punti di forza o di debolezza, spesso l’artista, o meglio il musicista ha un carattere particolare e talvolta tende a prende alla leggera queste domande, invece è dimostrato dagli esperti di marketing che avere chiaro in mente il progetto musicale, il genere ed il pubblico a cui ci si rivolge è aver già fatto una parte del lavoro di marketing che non è necessario rifare.

Innanzitutto quando hai terminato di rispondere alle domande, “butta gù” le risposte, come ti ho già detto, impara ad appuntare su un blocknotes o su un file ogni cosa, specie le tue risposte.
Ricordati, questi appunti saranno di grande importanza quando incontrerai l’esperto che ti aiuterà per publicizzare il tuo prodotto, la tua musica, la tua persona.

Devi essere sempre orgoglioso della tua musica e delle parole che scrivi così come delle note che appunti quanto componi un brano, cerca le parole giuste non solo per comporre e cantare ma anche per proporre il tuo lavoro.

Promuovere il tuo lavoro con le parole giuste è fondamentale,i fans arriveranno naturalmente senza che tu debba cercarli con il “lanternino”.Ricorda, infatti, che nella musica, è ancora importante la regola del far parlare si sé, nel bene o nel male, meglio ovviamente nel bene,ecco quindi che l’1% di fan della tua città equivale ad un potenziale enorme, infatti essi possono parlare di te e della tua musica all’1% dei residenti nella tua provincia, essi insieme possono far conoscere il tuo brano all’1% della popolazione italiana che a sua volta potrà farti conoscere all’1% della popolazione mondiale.
Nessuno mai parte da milioni di fans ma a poco a poco con qualche strategia di marketing semplice si arriva ad essere molto conosciuti.

Previous post

Il fascino del mistero... nell'auto-promozione !

Next post

La travolgente onda d’urto firmata UMMO

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”