Band e Redazionali

Vallorch: il Folk abbraccia il Death Metal

Folk-Death: Voices of North

I Vallorch nascono nel dicembre 2010 i fondatori sono Marco e Matteo, chitarristi e Massimo buon batterista; i tre amici vogliono creare un’unione tra la musica Folk tradizionale e il Death Metal.

 
Ispirandosi a gruppi di spicco come Eluveitie, Varg, Amon Amarth, Korpiklaani, Furor Gallico, danno vita però a brani tutti di loro creazione, inediti e con uno stile personale di tutto rispetto.

Non tardano ad arrivare altri componenti nella band: dopo alcuni mesi ecco aggiungersi Alessandro Baldo (basso), Andrea Rampin (cornamusa, flauti e fisarmonica), Ludovico Mosena (ghironda e flauti). A questo rafforzamento segue però quasi subito un cambio, esce Alessandro e entra nel gruppo Sara Tacchetto come voce primaria, affiancata da Fabio Ceccato come voce scream e basso.

La band mantiene la sua identità Folk-Death scelta all’esordio. A gennaio 2012 un ulteriore ampliamento mette in squadra Leo al basso e voce e Francesco al violino. L’originale nome della band è ispirato al nome autentico di un villaggio cimbro del Cansiglio, i Vallorch, convinti del valore delle loro potenzialità hanno auto-prodotto il loro primo EP uscito in aprile di quest’anno.

L’album dal titolo Voices Of North si compone di sole tre tracce di folk metal, le caratteristiche dei brani si dividono cosi: uno di  cantato donna clean, uno di  uomo growl, uno strumentale e un breve outro alla fine del disco che dura circa ventuno minuti.

Il gruppo che ha origini venete si caratterizza per il contrappunto delle due voci, lei angelica, lui cavernoso e aggressivo , che creano stacchi e atmosfere d’effetto senza però strafare, inoltre l’introduzione di strumenti reali, come la cornamusa, il violino e i flauti, eliminando totalmente la tastiera,  dà molto valore sia alle esecuzioni che alle composizioni degli inediti che questi ragazzi hanno preparato con passione.

In questa maniera tutto l’album seppur “mini”, acquista pregio, spontaneità e qualità, oltre a dare al gruppo, specialmente nelle performance  live quel tocco in più che rende unici.

Line Up
Sara Tacchetto: voce
Matteo Patuelli: chitarra
Marco Munari: chitarra
Leonardo Dalla Via: basso, voce
Massimo Benetazzo: batteria
Francesco Salviato: violino
Andrea Rampin: cornamusa, whistles

Previous post

Che freschezza con gli Audiofono

Next post

Hungryheart: "One Ticket To Paradise" quando il rock è entusiasmante

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”