Band e Redazionali

Formentera Lady: il rock storico bolognese

Formentera Lady band storica bolognese
I Formentera Lady hanno le loro radici nel 2008, band di già grandi capacità, all’epoca pubblicano il cd “Problemi” da lì la band intraprende un cammino costellato di ottimi risultati e soddisfazioni, fino al 2010 quando sbarcati in Spagna rilasciano un secondo cd dal titolo “Formentera Lady” .

ScreenHunter_14 Jan. 29 15.13

Questa band ha come peculiarità una forma elevata di eclettismo che gli permette di spaziare tra diversi generi musicali, quali il: rock, il samba-rock, il blues , l’hard rock, e poi lo shuffle, il funky-songo, gospel-folk, suite, e la ballade; mixando e arricchendo ad ogni esecuzione il bagaglio istrionico e la padronanza melodica.

I loro brani sono apprezzati e votati nell’ambito di manifestazioni radiofoniche e live; il carico di esperienze accumulate ha di certo uno spessore rilevante; ed ecco arriva anche il terzo cd nel 2012, frutto delle esibizioni live dell’anno precedente. Il nuovo lavoro si chiama “Live unplugged”.

Il concetto e il filo conduttore di ogni esibizione dei Formentera Lady è la sperimentazione verso una forma di concerto-spettacolo che mixa le qualità musicali con la narrazione , la recitazione, tutto  dal vivo in un aperto e caldo contatto continuo con il pubblico.

Questa convinzione evolutiva proiettata oltre il normale e statico concerto porta la band all’idea di una reinterpretazione dei live con un coinvolgimento di elementi inusuali, come la gastronomia…ecco il crearsi di un nuovo mood musicale: assaggi di buon cibo e buon vino immersi in buona musica…una full immersion sensoriale; il progetto porta il nome di gastRocknomic®.

Con questi presupposti ascoltare i brani dei Formentera Lady è stata un’avventura emozionale, un tuffo in un mondo nuovo fatto di musica e non solo; ho trovato bellissima  “Come un cuore” , ma ogni brano è un mondo  a sè, un “modo” a sè.

Vivo e passionale il risultato finale, consigliatissimi a chi ancora non li conosce.

Line Up

  • Maurizio Ferlini, voce e chitarre,
  • Damiano Trevisan, batteria, percussioni e voce
  • Stefano Clò , chitarra
  • Andrea Guandalini, basso
  • Silvia Telloli, fisarmonica, tastiere e voci
  • Marco Tamarri, percussioni




Brani

 

 

 

Facebook Comments

Previous post

Pacifico: "Un altro anno se ne va"

Next post

FEAR THE SIRENS: "The Ruins We Used To Call Home"

Alberto

"Se dai un pesce a un uomo, egli si ciberà una volta sola. Ma se tu gli insegni a pescare, egli si nutrirà per tutta la vita.”